Vini e Sapori

15-05-2017

SCALOPPINE ALLA PIEMONTESE IN ABBINAMENTO AL DOLCETTO D'ASTI

Ingredienti (per 4 persone):
500 gr fettine vitello - medio spessore
burro q.b.
olio d’oliva q.b.
150 gr prosciutto cotto - affettato sottile
100 gr fontina
100 gr creste e fegatini pollo - frattaglie
bicchiere marsala
brodo q.b.
tartufo
farina
sale q.b.
pepe q.b.
Con batti-carne schiacciare le scaloppine, infarinare e porre in tegame con burro ed olio; rosolare su ambo i lati, irrorare con marsala e lasciare evaporare. Stemperare con brodo caldo e proseguire la cottura a fuoco lento, rapprendendo.
A cottura ultimata, levare le scaloppine dal tegame e porre in teglia imburrata, adagiando su ognuna il tartufo affettato sottilmente, alternando con prosciutto e fontina.
In tegame, utilizzando il restante fondo di cottura, rosolare frattaglie con sale e pepe, cuocere irrorando con brodo. A cottura ultimata, unire alle scaloppine in teglia.
Passare in forno caldo per 10' e servire.

IN ABBINAMENTO AL DOLCETTO D'ASTI

Il Dolcetto d'Asti si produce nella zona collinare astigiana ed ha un colore rosso rubino vivo, un odore vinoso, gradevole e caratteristico e un sapore asciutto, vellutato e armonico.
La gradazione minima è di 11,5° mentre per il tipo "Superiore" vi deve essere una gradazione minima di 12,5 gradi, con un anno di invecchiamento obbligatorio.
Colore:
rosso rubino vivo;
Odore:
vinoso,gradevole,caratteristico;
Sapore:
asciutto vellutato, armonico, di moderata acidità;
Caratteristiche enologiche
Acidità totale minima:
5 per mille;
Estratto secco netto:
22 per mille.
Titolo alcolometrico volumico totale minimo
26-04-2017

Carne all'albese e Nebbiolo d'Alba D.O.C. 2012

Carne all'albese e Nebbiolo d'Alba D.O.C. 2012
Ingredienti (per 4 porzioni):
400 gr carne di sanato a fettine
100 gr di Grana Padano
1 tartufo bianco d’Alba
olio extra vergine q.b.
sale e pepe nero q.b.

Disporre le fettine di carne su di un piatto da portata, in un solo strato, condire con olio, salare e pepare q.b. Cospargere il formaggio tagliato a lamelle ed il tartufo affettato sottilissimo. Servire immediatamente.

Nebbiolo d'Alba D.O.C. 2012 - Bottiglia da lt. 0,75.
Di vitigno Nebbiolo (in purezza). Affinato e stabilizzato in botti di rovere.
Invecchiato in bottiglia fino a 6 - 8 anni.
Colore rosso rubino intenso, con riflessi granati.
Floreale con sfumature di geranio e di viola, fruttato all’olfatto.
Gusto secco, caldo, abbastanza morbido, fresco, tannico, sapido, con leggere e gradevoli note di spezie, di struttura elegante e fine.
06-02-2017

Cisterna d'Asti D.O.C. Superiore e Brasato al Barbera

E con pochi passaggi si diffonderà in casa vostra il profumo della tradizione piemontese!

Oggi un buon brasato al Barbera sulle vostre tavole!
E con pochi passaggi si diffonderà in casa vostra il profumo della tradizione piemontese!
Dalla vinificazione di uve Croatina, vitigno tipico della zona di cui esprime il forte carattere, nasce il Cisterna d'Asti, un vino dalla tradizione radicata e antica, al quale è stata recentemente riconosciuta la D.O.C.: un vino dalle pronunciate caratteristiche di intensità
di gusti e profumi, equilibrati da un prolungato affinamento in botti di rovere.
•1 kg di polpa di manzo••1 l di vino rosso Cisterna d’Asti Supe- riore Tenuta La Pergola••2 carote••1 cipolla••2 gambi di sedano••Rosmarino q.b.••3 foglie di alloro••3 chiodi di garofano••Brodo di carne q.b.••Farina q.b.••Olio extravergine di oliva q.b.••Pepe nero q.b.••Sale q.b.•
Cominciate con il lavare, asciugare e tagliare a pezzi grossi le vostre verdure. Legate le erbe aromatiche con uno spago da cucina per evitare di disperderle durante la cottura. Prendete una capiente casseruola, possibilmente a bordi alti, e coprite il fondo con l’olio extravergine di oliva. Infarinate leggermente il pezzo di carne e fatelo rosolare molto bene su tutti i lati a fiamma vivace.
Aggiungete le verdure, le erbe aromatiche, i chiodi di garofano, aggiustate di sale, pepe e versate tutto il vino. Mantenete la fiamma a fuoco moderato e lasciate cuocere per circa 2 ore e mezzo, fino a quando la carne sarà ben morbida. Nel caso in cui durante la cottura il sugo si dovesse asciugare troppo, aggiungete poco brodo di carne tiepido alla volta.
A fine cottura estraete la carne dalla casseruola e lasciatela raffreddare su un tagliere di legno. Nel frattempo, eliminate le erbe aromatiche e frullate il fondo di cottura. Tagliate a fettine la carne e rimettetela in pentola insieme al suo sugo, scaldandola prima di servirl   dettaglio