i Vitigni

Grignolino

2 dicembre 2016
Vitigno che in Piemonte ha radici antiche, tanto che si ritrova in documenti risalenti al XIII secolo. E’ un’uva atipica poco colorata, appare di un blu tenue tendente al viola, con aree più chiare, fino ad arrivare al rosso scuro. Un’altra particolarità dell’uva è l’abbondanza di semi, detti appunto, “grignole” in piemontese: una non perfetta maturazione e vinificazione può portare ad avere vini eccessivamente amari e astringenti. Il vino del Grignolino ha colore scarico, ma brillante; bisogna però evitare di lasciarsi influenzare dalla vita, perché già al naso arriva un elaborato bouquet di spezie e pepe, che ci fa comprendere il lato nobile del Grignolino. In bocca il tannino è presente e l’acidità relativamente elevata pulisce il palato, è un vino che si adatta molto bene ai piatti a base di pesce o verdure.